Dietista: definizione, mansioni, stipendio e come diventarci

Il dietista si occupa della scienza alimentare e della sua relativa applicazione. Tale figura professionale deve conseguire una laurea specifica e si differenzia invece dalla professione del nutrizionista. Le diete elaborate dal dietista trovano largo impiego all’interno degli scopi terapeutici e si soffermano in particolar modo anche sul controllo dell’igiene degli alimenti. Scopri tutto quello che c’è da sapere sulla figura professionale del dietista in questa nuova lettura!

Dietista: definizione

Il dietista è un professionista che lavora all’interno del campo dell’alimentazione e può elaborare diete a scopo principalmente terapeutico. Nel dettaglio il nutrizionista si occupa a tutto tondo dell’alimentazione giornaliera, dell’igiene dei diversi alimenti, della ricerca dell’educazione alimentare,  ma anche delle tecniche di insegnamento a livello universitario, della valutazione nutrizionale dei singoli pazienti seguiti.

Ordinamento dietista in Italia

All’interno del territorio italiano la figura professionale del dietista trova il proprio regolamento sulla base dei seguenti studi e ordinamenti che possono essere visionati all’interno della legge D.M. 14/09/94 n. 744, D.M. 14/09/94, legge n. 744 10 agosto 2000 e accordo Stato-regioni Rep. Atti n. 47/CSR del 7 febbraio 2013: 

  • laurea in dietistica (classe delle lauree L-SNT/03 o equipollenti)
  • iscrizione all’albo dei dietisti 

Mansioni principali del dietista

Tra le mansioni principali del dietista si trovano:

  • elaborazione di diete personalizzate (sulla base delle diverse terapie, età anagrafica e fabbisogni giornalieri di nutrienti)
  • educazione alimentare (la quale può essere intesa anche come materia didattica universitaria a scopo di insegnamento)
  • igiene degli alimenti
  • elaborazione e formulazione diete alimentari sulla base dei consigli medici
  • elaborazione di valutazioni nutrizionali (per i soggetti sani o affetti da disturbi e patologie)
  • collaborazione con altre figure professionali (come gli psicoterapeuti)
  • elaborazione di diete nutrizionali per popolazioni (allo scopo di preservare o ristabilire lo stato di salute di determinate etnie)

Il dietista è quindi un operatore sanitario, sulla base della regolamentazione legale del D.M. 744 del 1994, il quale ha conseguito una laurea in facoltà di Medicina e Chirurgia ed eventuali specializzazioni. I ruoli e le mansioni del dietista sono stabiliti dalla Federazione nazionale degli Ordini dei TSRM e delle PSTRP, in stretta collaborazione con l’Associazione nazionale Dietisti. Al dietista non è concessa la prescrizione di farmaci e diagnosi, fatta eccezione per gli integratori alimentari privi della necessità di una prescrizione medica per l’acquisto.

Come diventare dietista: il percorso scolastico e formativo, requisiti

Per diventare a tutti gli effetti un dietista occorre ottenere una laurea nei seguenti settori:

  • Medicina e Chirurgia
  • Specializzazioni successive
  • Tirocinio 

Tra i requisiti è indispensabile possedere un’accurata conoscenza degli alimenti e della loro formulazione, dell’apporto calorico, dell’igiene alimentare e della suddivisione giornaliera di carboidrati, proteine, sali minerali, vitamine.

Quanto guadagna un dietista?

La retribuzione media di un dietista varia a seconda dei diversi settori di inserimento. Una figura professionale inserita all’interno di un reparto ospedaliero percepisce mediamente sui 1.750 €/mese, ossia circa 30.600 € lordi annui.