3 dicembre h.16.30 - AUDIODRAMMA AL GRAND VISCONTI PALACE "E JOHNNY PRESE IL FUCILE"

30 novembre 2017

festival-2017

Tratto dal romanzo di Dalton Trumbo
Adattamento e regia Sergio Ferrentino

con Sax Nicosia, Alessandro Castellucci, Elena Molos
musiche originali di Gianluigi Carlone

LOCANDINA-JOHNNY-milano_ipasvi_4Con "E Johnny prese il fucile", prosegue l’impegno di Fonderia Mercury di portare in scena audiodrammi dal vivo. Gli spettatori ascolteranno ciò che accade in scena, trovandosi completamente immersi nella narrazione acustica. Per questa produzione viene utilizzato un microfono binaurale, dalla forma di testa umana, che permette di recuperare e riprodurre i suoni con un effetto tridimensionale. La percezione diventa a 360°, riuscendo anche a far captare la dimensione ambientale della scena. Questa forma di ripresa sonora è impiegata in particolare dal mondo musicale e da pochi anni, grazie alle sperimentazioni della Radio Svizzera, anche per la registrazione di radiodrammi .

Nell’adattamento di Johnny, la testa binaurale sarà usata sul palco “in diretta”, questo permetterà al pubblico di trovarsi sul palco avvolto dall’intreccio dei suoni, effetti e voci in un totale coinvolgimento scenico.

Guarda il TRAILER di E Johnny prese il fucile: bit.ly/2mZgICK


SINOSS23722470_1539710776143997_2909727687341014516_nI
Joe Bonham è un giovane americano che, insieme a milioni di connazionali, viene chiamato a combattere durante la Prima Guerra mondiale. Nel conflitto viene colpito da una granata. L'esplosione lo riduce in un tronco umano, ma “vive”: Joe pensa e i suoi pensieri sono la nostra storia. Ore, giorni, anni, scanditi dal battito del cuore, dal pulsare del cervello, dal sibilo del respiro, dal rimbombo dei passi di medici e infermiere.
Dopo anni di isolamento psico-fisico Joe riesce a comunicare con il mondo esterno e a ricevere risposta. Joe è ancora in  battaglia e dalla trincea grida il suo SOS di vita.